Conta dei Carboidrati difficile ma non impossibile

Diadmin

Conta dei Carboidrati difficile ma non impossibile

Il conteggio dei carboidrati è un metodo raccomandato per controllare la glicemia. Gli autori di uno studio canadese, pubblicato su “DiabetesResearch and ClinicalPractice”, hanno intervistato 180 persone con diabete di Tipo 1 per verificare come lo utilizzano.

Secondo uno studio, pubblicato su DiabetesResearch and ClinicalPractice, e condotto da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Nutrizione all’Università di Montreal in Canada, la maggior parte delle persone con diabete di Tipo 1 riferisce di usare il conteggio dei carboidrati (CC), di considerarlo importante nella gestione del diabete e di non incontrare particolari difficoltà nell’utilizzarlo.

L’uso del conteggio dei carboidrati, che implica l’identificazione degli alimenti contenenti carboidrati, la stima delle dimensioni delle porzioni e la lettura delle etichette nutrizionali dei prodotti confezionati, può essere un compito impegnativo per le persone con diabete. Per verificare questa ipotesi, gli Autori hanno sottoposto in rete un questionario di 30 domande a 180 persone con diabete di Tipo 1 che utilizzavano il conteggio dei carboidrati come parte del loro trattamento.

«Il 78% degli intervistati ha riferito di sentirsi sicuro nell’uso del conteggio dei carboidrati e il 91% di essi lo considera importante per il controllo glicemico. Viceversa, solo il 17% lo trova di difficile applicazione», scrivono i ricercatori, anche se il 57% dei partecipanti spera in nuove tecnologie che possano facilitare il conteggio dei carboidrati stesso.

Dall’indagine è emerso che le persone con basso livello di istruzione o con storia di depressione incontrano maggiori difficoltà nel conteggio dei carboidrati. Per tale motivo, gli Autori sottolineano l’importanza di implementare strategie di educazione e di sviluppo di nuovi strumenti tecnologici alla conta dei carboidrati soprattutto in queste categorie di pazienti.

Fonte: A Fortin et al. Diabetes Res ClinPract. April 2017; 126:214-221.

Info sull'autore

admin administrator

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: