DIABESITÀ: DAL RAPPORTO ANNUALE DI IBDO FOUNDATION LA MAPPA DELL’ITALIA

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Zucchi Fabio ha detto:

    Ho letto quanto scritto e ne sono cosciente, vorrei puntualizzare solamente un aspetto dell’alimentazione degli adolescenti e dei giovani: la pubblicità televisiva, radiofonica e sui telefonini raccomandano per il 90% il consumo di cibo spazzatura, saturi di zuccheri e sostanze grasse destinate solo a soddisfare il palato e non la salute; proporrei come per il tabacco la scritta sulle confezioni: ” se consumi questo prodotto con continuità hai buone probabilità di diventare obeso”

  2. Giacomo Trapani ha detto:

    Fabio,
    sono pienamente d’accordo con te, è necessario attivarsi su tutti i fronti per correggere, con campagne di informazione e sensibilizzazione, fino a far comprendere a tutti che dobbiamo correggere il nostro stile di vita.
    Il punto è come possiamo fare noi cittadini, attraverso quali strumenti?
    Io faccio parte del mondo delle Associazioni di Volontariato e cerco ogni giorno risposta a queste problematiche, bisogna lavorare tutti insieme.

    • Zucchi Fabio ha detto:

      Io faccio parte di SOS Diabete di Asti, quest’anno sono andato con un dietologo in accordo con la SOC di Diabetologia dell’Ospedale di Asti in 4 istituti scolastici per fare formazione alle quarte classi su ” Preveniamo e curiamo il diabete” . Temi della formazione: cos’è il diabete e come deve essere una corretta alimentazione.
      Dobbiamo ancora incontrare 4 classi in due istituti, Prevediamo di completare il quadro con circa 500 ragazzi informati e formati.
      Questa penso sia la strada corretta per sensibilizzare i ragazzi, e con esempi pratici illustrare i contenuti dei vari cibi che definisco “spazzatura”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: